• Project Strength
  • Project Nutrition

Chinesiologia e sanità - pareri ed idee

Chiacchiere in libertà
iSiO
Messaggi: 183
Iscritto il: 23/11/2016, 16:08

Chinesiologia e sanità - pareri ed idee

Messaggioda iSiO 27/04/2017, 9:50

Salve, sono studente di Scienze Motorie e, tra studi e letture, sto scoprendo sempre di più che il movimento (dunque attività fisica ed esercizio fisico) sia un fattore fondamentale per la prevenzione, la cura ed il mantenimento della salute. Sindrome metabolica (dunque le malattie del benessere), malattie mio-articolari, dismorfismi e compensi posturali possono essere prevenuti o combattuti grazie all'attività fisica. Inoltre il movimento e lo sport sono importanti mezzi per lavorare anche sulla sfera psico-pedagogica e sociale dell'individuo, giungendo fino a quella culturale o spirituale. Ovviamente non per essere di parte, ma se si analizza la questione con occhio razionale e scientifico si può davvero comprendere che non sono tutte enfatizzazioni ed esasperazioni ma che il movimento umano davvero è essenziale, vorrei dire anche in modo filosofico (certo, lo stesso si potrebbe dire per altre discipline).
Tuttavia in italia vi è ancora il "laureato in Scienze Motorie" e non il chinesiologo. Un laureato che viene visto come uno sportivo che voleva studiare qualcosa di leggero, come un professionista che sa poco di tutto e non tanto di poco, come l'insegnante di educazione fisica.
In base alle ricerche lette, alle lezioni seguite ed ai libri studiati mi sembra di capire però che la figura del chinesiologo sia di fondamentale importanza in centri ospedalieri e sanitari, per persone in salute, anziani, disabili eccetera. Tuttavia il laureato in SM non è riconosciuto come figura sanitaria dunque non può lavorare negli ospedali (almeno per quanto ne sappia).
Da qui parte il sogno di metà della mia classe: sperare di passare a fisioterapia il prossimo settembre. Questo perché semplicemente fisioterapia dà più garanzie per il futuro.
Sono conscio del fatto che molti laureati in SM, anche in magistrale, escano che ne sanno meno di prima; ma questo dipende dal soggetto che è voluto uscire con 82 senza appassionarsi ed informarsi e non dalla laurea in sé (o forse sì?).
Principalmente a me infastidisce il fatto che una volta laureato, anche se con voti alti e buone conoscenze teoriche e pratiche, mi serviranno ancora master, corsi e seminari prima di avere un buon curriculum e trovarmi un lavoro che possa darmi solidità economica.
Vorrei sapere cosa ne pensate a riguardo, cosa credete che sia errato nel mio discorso, cosa credete che sia sbagliato in generale nel mondo delle scienze motorie e cosa pensate che dovrebbe accadere per migliorare la situazione.
Grazie :D
Studente di Scienze Motorie Preventive ed Adattate

Torna a “RELAX”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti