• Project Strength
  • Project Nutrition

PFPS - Patellofemoral Pain Syndrome

Samuele Di Nicola
Messaggi: 142
Iscritto il: 10/11/2016, 18:58

PFPS - Patellofemoral Pain Syndrome

Messaggioda Samuele Di Nicola 15/10/2017, 9:04

Buongiorno,

Ho scritto il titolo in inglese semplicemente perche' non sono sicuro della sigla in italiano, e vivendo in Irlanda il mio fisioterapista me ne ha parlato in questo modo. Chiedo venia.

Mi e' stata diagnosticata questa sindrome al ginocchio destro, dove praticamente ho dei dolori "sordi" e abbastanza costanti durante tutto l'arco del giorno.
I problemi principali sono:
1. Dolore in accosciata completa o in flessione completa al ginocchio, a prescindere dal carico. Anzi, fare uno squat al massimale o fare una
flessione senza carico risultano praticamente uguali.
2. Schiocco sul ginocchio ogni volta che contraggo il quadricipite a gamba tesa, che mi provoca una sensazione di sollievo momentanea seguita
da piu' dolore di prima. Sta peggiorando, nel senso che ora mi schiocca anche mentre cammino, e non lo sopporto piu'.

Ho questa situazione da mesi, e ora che mi sono fermato dall'allenamento sta peggiorando. Il fisio mi ha consigliato di aumentare la forza del gluteo e cercare di perdere un po' di tensione nel quadricipite e negli abduttori. Ci sto provando, ma non sembra funzionare.

Esistono dei test diagnostici da poter fare? A chi potrei rivolgermi, oltre al fisioterapista? Tenete conto che vivo in Irlanda e quindi i ruoli medici potrebbero essere differenti.

Grazie!
Laurea in Scienze Motorie, Sport e Salute (Milano)
Laurea in Scienze e Tecniche dell'Attività Sportiva (Bologna)

Allenatore di 2° Livello FIR
Preparatore fisico FIR
Preparatore fisico IRFU (Irish Rugby Football Union)
Allenatore livello base FIPL
Avatar utente
Claudio Zanella
Messaggi: 507
Iscritto il: 05/10/2016, 9:42

Re: RE: PFPS - Patellofemoral Pain Syndrome

Messaggioda Claudio Zanella 15/10/2017, 23:52

Buongiorno,

Ho scritto il titolo in inglese semplicemente perche' non sono sicuro della sigla in italiano, e vivendo in Irlanda il mio fisioterapista me ne ha parlato in questo modo. Chiedo venia.

Mi e' stata diagnosticata questa sindrome al ginocchio destro, dove praticamente ho dei dolori "sordi" e abbastanza costanti durante tutto l'arco del giorno.
I problemi principali sono:
1. Dolore in accosciata completa o in flessione completa al ginocchio, a prescindere dal carico. Anzi, fare uno squat al massimale o fare una
flessione senza carico risultano praticamente uguali.
2. Schiocco sul ginocchio ogni volta che contraggo il quadricipite a gamba tesa, che mi provoca una sensazione di sollievo momentanea seguita
da piu' dolore di prima. Sta peggiorando, nel senso che ora mi schiocca anche mentre cammino, e non lo sopporto piu'.

Ho questa situazione da mesi, e ora che mi sono fermato dall'allenamento sta peggiorando. Il fisio mi ha consigliato di aumentare la forza del gluteo e cercare di perdere un po' di tensione nel quadricipite e negli abduttori. Ci sto provando, ma non sembra funzionare.

Esistono dei test diagnostici da poter fare? A chi potrei rivolgermi, oltre al fisioterapista? Tenete conto che vivo in Irlanda e quindi i ruoli medici potrebbero essere differenti.

Grazie!
Ciao Samuele, in Italia si chiama sindrome femoro rotulea. Esistono varie cause di dolore femoro rotuleo che vanno dall'instabilità, all'iperpressione che può essere laterale o meno.
Nello studio del dolore femoro rotuleo bisogna valutare l'anamnesi patologica remota e prossima (un aumento dei carichi di lavoro può essere correlato ad un peggioramento della sintomatologia, nel PL l'utilizzo delle fasce aumenta la compressione femoro rotulea), l'andamento della sintomatologia (tu adesso sei probabilmente in una fase di acuzie), la clinica (assetto dell'arto inferiore, clinica del ginocchio, test specifici come il test della raspa). Si può ricorrere alla diagnostica per immagini (la radiografia, con proiezioni classiche e specifiche come l'assiale di rotula, può evidenziare segni indiretti di sofferenza articolare, consente di valutare la posizione della rotula utilizzando indici come il rapporto femoro rotuleo e altri indici specifici) e naturalmente ecografia e risonanza magnetica integrano l'esame (quest'ultima, tra le altre cose, consente di valutare lo stato della cartilagine).
Sul trattamento si potrebbe scrivere molto, chiaramente non esiste un'indicazione valida per tutti.
Le figure mediche di riferimento sono il fisiatra, il medico dello sport e l'ortopedico. Ciascuno può affrontare la problematica in modo diverso in base al proprio background, io sono fisiatra quindi sono di parte. In genere ritengo che la figura che si occupa di riabilitazione e trattamento conservativo delle patologie possa avere una visione più globale e possa rappresentare un riferimento per il paziente non chirurgico nel percorso riabilitativo, naturalmente è necessario rivolgersi ad uno specialista che tratti patologia articolare ed eventualmente sportivi (non tutti lo fanno).
Questo per darti un quadro generale.

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk


Medico Chirurgo
Specializzazione Medicina Fisica Riabilitativa
Scuola di Medicina Manuale secondo Maigne
Powerlifter

Torna a “Infortuni e malanni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite