• Project Strength
  • Project Nutrition

Panca piana e calisthenics, accoppiata vincente?

Anakin1992
Messaggi: 4
Iscritto il: 08/11/2016, 13:55

Panca piana e calisthenics, accoppiata vincente?

Messaggioda Anakin1992 18/12/2016, 22:49

Salve gente!
Sono un neofita del calisthenics, ho cominciato quest'estate ad avvicinarmi a questo sport ed è solo da un mesetto che ho iniziato un corso vero e proprio con autentici circuiti d'allenamento.
Nonostante mi piaccia molto allenarmi a corpo libero non disdegno l'allenamento con i sovraccarichi per cui sto cercando di capire quale può essere il modo migliore per far sì che l'allenamento con i pesi abbia un transfert positivo nell'evoluzione delle mie skills.
Più nel dettaglio mi chiedevo se la panca piana può aiutare a progredire ad esempio con gli handstand push up o con la planche.
C'è qualcuno che ha integrato la pesistica con il calisthenics che può dirmi se e in quanto tempo ha iniziato a vedere riscontri positivi?
Buon allenamento a tutti ;)
Avatar utente
Claudio Zanella
Messaggi: 507
Iscritto il: 05/10/2016, 9:42

Re: Panca piana e calisthenics, accoppiata vincente?

Messaggioda Claudio Zanella 19/12/2016, 5:20

Ciao, io non pratico calisthenic, ti rispondo da powerlifter che utilizza nel proprio allenamento elementi della pesistica olimpica ed esercizi a corpo libero.
Quello del transfer è sempre stato un tema caldo e controverso. Se inizialmente qualunque esercizio sembra avere effetti positivi sugli altri, soprattutto se le performance e l'anzianità d'allenamento sono ridotte, man mano che il livello atletico evolve c'è una maggiore richiesta di specificità.
La panca piana è un ottimo esercizio per costruire forza e ti consiglio di eseguirla in questa fase, ma la traiettoria di spinta è molto diversa rispetto a quella degli handstand pushup e la stabilità scapolare richiesta è molto differente rispetto a quella applicata nella planche.
Sicuramente chi pratica la tua disciplina saprà risponderti in modo più approfondito

Inviato dal mio LG-H850 utilizzando Tapatalk
Medico Chirurgo
Specializzazione Medicina Fisica Riabilitativa
Scuola di Medicina Manuale secondo Maigne
Powerlifter
Avatar utente
Strength_coach
Messaggi: 278
Iscritto il: 09/11/2016, 13:52

Re: Panca piana e calisthenics, accoppiata vincente?

Messaggioda Strength_coach 19/12/2016, 6:49

Ciao Anakin,

concordo con Claudio, e in più aggiungo brevemente la mia esperienza: ai miei atleti crossfit nella programmazione annuale alleno i gesti di spinta con il bilanciere sia la panca piana, che i vari tipi di press in piedi. Parallelamente alleno il gesto specifico in questo caso HSPU con diverse progressioni, agendo sia su volume che poi intensità come per i pesi, utilizzando deficit sempre più consitenti, parallele, eccentriche, giubbotti zavorrati... Funziona!
Anakin1992
Messaggi: 4
Iscritto il: 08/11/2016, 13:55

Re: Panca piana e calisthenics, accoppiata vincente?

Messaggioda Anakin1992 19/12/2016, 12:13

Grazie per le risposte.
Da quello che ho avuto modo di capire chi pratica calisthenics si divide in due categorie: coloro che integrano il corpo libero con la pesistica e chi invece proprio non ne vuole sapere dei pesi tradizionali.
Tra coloro che appartengono alla prima categoria molti sostengono che nei periodi in cui hanno unito i pesi al calisthenics hanno visto i miglioramenti più rapidi in termini di evoluzione delle skills, questo mi fa supporre che durante tali periodi i pesi abbiano effettivamente apportato benefici.
C'è da aggiungere oltretutto che da un punto di vista estetico i fisici di molti atleti di calisthenics a livello internazionale mi sembrano fin troppo ben sviluppati per essere stati forgiati solo dal corpo libero, per cui penso che la pratica dell'integrazione sia molto diffusa in questo sport.
La sfida a questo punto è selezionare i migliori esercizi con i pesi per lo sviluppo delle skills ;)
iSiO
Messaggi: 183
Iscritto il: 23/11/2016, 16:08

Re: Panca piana e calisthenics, accoppiata vincente?

Messaggioda iSiO 19/12/2016, 14:11

Ciao,
vi sono più approcci possibili con un metodo di allenamento, dipende tutto dai tuoi gusti, dai tuoi obiettivi ecc
Se ricerchi l'ipertrofia e-o la forza, l'utilizzo del bilanciere ed in generale di sovraccarichi potrà esserti molto utile.
Sicuramente col corpo libero hai sempre nuovi esercizi da provare, propedeutiche e varianti; tuttavia infilarci qualcosa con kettlebell piuttosto che palla medica o TRX può essere sempre divertente ed anche utile per eseguire un allenamento che sia il più "completo" possibile.
Per quanto concerne i transfer non sono un professionista e non vorrei dire cavolate in merito, tuttavia se il tuo obiettivo sono le skill a corpo libero (come i lever, la planche, l e v sit, muscle up, oap pull up, handstand ecc) allora ti consiglierei di lavorare soprattutto, per un buon 60-70%, su questi movimenti, a livello di apprendimento tecnico e di potenziamento muscolare. Se invece vuoi anche avere notevoli risultati sulla massa muscolare e variare di più con gli esercizi, allora metterci dentro un po' di esercizi con bilancieri, manubri e macchine va benissimo ;)
Studente di Scienze Motorie Preventive ed Adattate
Francesco Luciano
Messaggi: 14
Iscritto il: 08/11/2016, 11:48

Re: Panca piana e calisthenics, accoppiata vincente?

Messaggioda Francesco Luciano 19/12/2016, 22:29

Ciao, ti do un parere non da esperto ma da praticante di calisthenics come te. È vero che il transfer ad esempio di una panca piana o di un lento è limitato su un movimento come HSPU, tuttavia considero utile un'integrazione con la pesistica per almeno tre motivi:
1. Consente di modulare con maggiore precisione il carico di lavoro e quindi anche il volume allenante. Può capitare che tu abbia necessità di fare un lavoro di forza generale per allenare gli hspu ma magari hai un massimale di poche reps che non ti consente di lavorare sul volume e ad intensità ridotte. La prima scelta potrebbe essere una propedeutica più facile (v push up, in questo caso), ma consideriamo che anche in questo caso si sta usando uno schema motorio ragionevolmente diverso da quello nell'esercizio su cui vuoi transfer; non vedo quindi perché non usare anche qualche peso (in aggiunta, non sto dicendo di non fare i v push ups).
2. A volte si può avere bisogno di lavorare su distretti muscolari specifici. Ad esempio per preparare una transizione di slow muscle up, perché non allenare i tricipiti con pesi e cavi come esercizio complementare, se questi nel mio caso sono il fattore limitante?
3. Infine può capitare di avere asimmetrie di forza e / o massa muscolare fra i due antimeri, e magari del lavoro con i manubri può aiutare più facilmente a correggerli.


Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk
Giuseppe
Messaggi: 2
Iscritto il: 10/11/2016, 7:13

Re: Panca piana e calisthenics, accoppiata vincente?

Messaggioda Giuseppe 01/01/2017, 16:56

Ciao, scrivo anche io il mio parere sul binomio pesi-corpo libero, io personalmente mi alleno sia a corpo libero che con i pesi, il mio obbiettivo primario è riuscire nelle skills per tanto uso i pesi per sviluppare forza in quei distretti muscolari dove sono carente, non che a corpo libero non sia possibile, ma ci vorrebbe più tempo, inoltre se per esempio volessi migliorare e sviluppare più forza nei deltoidi a copro libero dovrei coinvolgere altri muscoli magari sovrallenadoli, con i pesi potrei isolarli. beh questa è la mia personale esperienza magari sbagliata quindi accetto eventuali pareri contrari e costruttivi.
concludo dicendo che sono d'accordo con Francesco Luciano soprattutto nei punti 2 e 3

Torna a “Calisthenics”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite