• Project Strength
  • Project Nutrition

Plicometria: un caso particolare

Dalla fisiologia di base alla costruzione di un piano alimentare cucito sul soggetto
Avatar utente
Claudio Zanella
Messaggi: 507
Iscritto il: 05/10/2016, 9:42

Re: Plicometria: un caso particolare

Messaggioda Claudio Zanella 12/11/2016, 7:43

ciao, sarebbe curioso vedere delle foto del soggetto in questione
Medico Chirurgo
Specializzazione Medicina Fisica Riabilitativa
Scuola di Medicina Manuale secondo Maigne
Powerlifter
Avatar utente
Strength_coach
Messaggi: 278
Iscritto il: 09/11/2016, 13:52

Re: Plicometria: un caso particolare

Messaggioda Strength_coach 12/11/2016, 13:13

Riguardo la bioimpedenziometria ormai ci sono delle bilance da 100/150 euro che danno dei valori decenti, forse migliori della plicometria e non risentono del problema dell'operatore-dipendenza. La sto comprando in sti giorni, vi farò sapere com'è!

Premesso che utilizzo la plicometria da anni con risultati soddisfacenti, ma perchè sia il più attendibile possibile ci vuole come già detto un plicometro serio, una mano allenata, ed un software decente che preveda più punti di repere non solo 3, l'età e sesso del soggetto, ecc....

Ovvio che metodi più precisi ci sono ma sono costosi (TAC) o alquanto scomodi (pesata idrostatica)

Un BIA serio costa diverse migliaia di euro e si occupa di rilevare in maniera bicompartimentale l'acqua intra ed extra cellulare approsimando successivamente il grasso corporeo (la bilancia ad esempio non è precisa perchè fa il rilevamento solo per la parte inferiore del corpo 2 ì approssimando poi la parte superiore. Infatti un BIA professionale fa la misurazione da una caviglia e da un polso del medesimo lato).

Spezzo una lancia in favore della plico per costi bassi e praticità, poi ripeto magari non è super precisa il vlore assoluto non sarà super attendibile, ma se le misurazioni nei mesi sono accurate anche le variazioni lo saranno e sono utili per valutare i progressi!
Samuele Di Nicola
Messaggi: 142
Iscritto il: 10/11/2016, 18:58

Re: Plicometria: un caso particolare

Messaggioda Samuele Di Nicola 12/11/2016, 15:19



Premesso che utilizzo la plicometria da anni con risultati soddisfacenti, ma perchè sia il più attendibile possibile ci vuole come già detto un plicometro serio, una mano allenata, ed un software decente che preveda più punti di repere non solo 3, l'età e sesso del soggetto, ecc....

Ovvio che metodi più precisi ci sono ma sono costosi (TAC) o alquanto scomodi (pesata idrostatica)

Un BIA serio costa diverse migliaia di euro e si occupa di rilevare in maniera bicompartimentale l'acqua intra ed extra cellulare approsimando successivamente il grasso corporeo (la bilancia ad esempio non è precisa perchè fa il rilevamento solo per la parte inferiore del corpo 2 ì approssimando poi la parte superiore. Infatti un BIA professionale fa la misurazione da una caviglia e da un polso del medesimo lato).

Spezzo una lancia in favore della plico per costi bassi e praticità, poi ripeto magari non è super precisa il vlore assoluto non sarà super attendibile, ma se le misurazioni nei mesi sono accurate anche le variazioni lo saranno e sono utili per valutare i progressi!
Sicuramente quello che hai detto è giusto, ma anche considerando che la mano sia buona, il software preciso e il plicometro serio ci troviamo di fronte ad errori comunque grossi, anche nell'ordine del 10/15 %.

Come hai detto te, che suggerivo anche al ragazzo, l'utilità di un simile strumento è il monitoraggio sul lungo periodo, mentre nell'immediato perde molto valore.

Non tutte le bilance non fanno l'approssimazione, infatti spesso sono provviste di maniglia aggiuntiva proprio per fare quello che dici te. Ad ogni modo questo è un errore tipico anche della plicometria, quello di pensare che il grasso sia equamente distribuito. In mancanza di strumentazioni serie, preferirei una bilancia ad un plicometro, ma bisognerebbe fare dei test per vedere qual è l'alternativa migliore.
Laurea in Scienze Motorie, Sport e Salute (Milano)
Laurea in Scienze e Tecniche dell'Attività Sportiva (Bologna)

Allenatore di 2° Livello FIR
Preparatore fisico FIR
Preparatore fisico IRFU (Irish Rugby Football Union)
Allenatore livello base FIPL
Avatar utente
Strength_coach
Messaggi: 278
Iscritto il: 09/11/2016, 13:52

Re: Plicometria: un caso particolare

Messaggioda Strength_coach 12/11/2016, 17:22

Ciao Samuele

in breve

- il BIA figo costa un botto ma ti da una stima abbastanza precisa dell'acqua (dico abbastanza perchè soffre un pò di problemi di accuretezza, poi se mai ne parliamo) quindi della "materia cellulare" ovvero anche muscolo e ti da un parere sul tuo livello gemerale di idratazione;

- mentre la plico essendo direttamente correlata allo spessore della pellaccia più direttamente proporzionale alla percentuale di grasso, che invece il bia approssima per via indiretta, il grasso conduce male la corrente :D

Ergo come dici te ci vorrebbero entrambi per levarsi tutti i dubbi in sede di valutazione del soggetto!
Io personalmente non ho il BIA perchè costa davvero troppo, parlo di un modello da laboratorio professionale, poi ti serve un lettino per fare la misurazione, un pc, e se non ricordo male gli "elettrodi" sono monouso. Insomma un bagno di sangue!
Samuele Di Nicola
Messaggi: 142
Iscritto il: 10/11/2016, 18:58

Re: Plicometria: un caso particolare

Messaggioda Samuele Di Nicola 12/11/2016, 17:46

La BIA sicuramente non è il miglior strumento per la composizione corporea, però viene considerata comunque accettabile per via della semplicità di misura rispetto ad altre apparecchiature. Diciamo che ci si può accontentare, se lo strumento è buono! :D

La plico però misura la % di grasso sottocutaneo, e di quello viscerale non ci dice nulla. Diciamo che, come dici te, un'integrazione dei dati non farebbe schifo a nessuno, anzi!

Insomma, alla fine che io abbia 12 o 15 non mi interessa realmente, e chi ha bisogno di % precise solitamente gareggia in situazioni in cui c'è possibilità di avere la strumentazione adatta.
Laurea in Scienze Motorie, Sport e Salute (Milano)
Laurea in Scienze e Tecniche dell'Attività Sportiva (Bologna)

Allenatore di 2° Livello FIR
Preparatore fisico FIR
Preparatore fisico IRFU (Irish Rugby Football Union)
Allenatore livello base FIPL
Avatar utente
Workoutmanager
Messaggi: 27
Iscritto il: 08/11/2016, 13:53

Re: Plicometria: un caso particolare

Messaggioda Workoutmanager 15/11/2016, 9:17

Perdonatemi se non ho più risposto, ma non mi arrivano le notifiche :? Proverò a contattare un amministratore.
Comunque, tornando a noi,:
Pratica. Pratica. Pratica. Ho detto Pratica ?
Sicuramente non ho molta esperienza dalla mia. Diciamo che l'avrò fatta a 3-4 soggetti in vita mia. La cosa che mi sembrava strana, però, è che le altre volte che l'ho fatta i risultati che ottenevo erano comunque realistici, mentre stavolta erano completamente irreali. :| Per quanto rigarda il passare 2 volte sui punti di repere, io ci passo tre volte, quindi non credo sia quello il problema :lol:
se è il plicometro da 20 euro, non fate nulla, la qualità della molla, che va calibrata prima di ogni misurazione, è fondamentale. Se costa meno di 100 euro, probabilmente non vale la pena.
Ragazzi adoro la vostra professionalità, ma il mio è quello da 2 euro :lol: A parte gli scherzi, c'era un'articolo sul project che diceva che per verificare i miglioramenti quello da 2 euro andava comunque bene. Secondo voi è tanto una porcata?
Riguardo la bioimpedenziometria ormai ci sono delle bilance da 100/150 euro che danno dei valori decenti, forse migliori della plicometria e non risentono del problema dell'operatore-dipendenza. La sto comprando in sti giorni, vi farò sapere com'è!
Sarebbe molto utile, Grazie mille!!
ciao, sarebbe curioso vedere delle foto del soggetto in questione
Appena le ho ve le mando, le avevo già fatte fare proprio per verificare i miglioramenti, ma nn me le ha ancora mandate ;-)
Spezzo una lancia in favore della plico per costi bassi e praticità, poi ripeto magari non è super precisa il vlore assoluto non sarà super attendibile, ma se le misurazioni nei mesi sono accurate anche le variazioni lo saranno e sono utili per valutare i progressi!
Si la mia idea era proprio questa. Io e questo amico siamo entrambi atleti, e per questo avevamo piacere di capire se riuscivamo a apportare miglioramenti o meno. La percentuale precisa di grasso non ci interessa più di tanto. Il problema è che quando hai una plica addominale di 6 cm (come nel caso di questo mio amico) è difficile capire i miglioramenti :|

Comunque vi ringrazio per tutte le risposte, e per la pazienza di essere stati dietro a me e al mio plicometro da 2 Euro :lol: mi siete stati di grande aiuto. Appena ho novità (tipo foto del soggetto e plicometria a 7 punti) vi aggiorno meglio, così avrete un'idea un po' più chiara ;-)
L’umiltà, quella vera, è ciò che distingue un bravo atleta da un campione.
Ingegnere gestionale, atleta di calisthenics, e appassionato di nutrizione, dedico buona parte del mio tempo libero allo sport.
Avatar utente
Workoutmanager
Messaggi: 27
Iscritto il: 08/11/2016, 13:53

Re: Plicometria: un caso particolare

Messaggioda Workoutmanager 15/11/2016, 9:19

Si la mia idea era proprio questa. Io e questo amico siamo entrambi atleti, e per questo avevamo piacere di capire se riuscivamo a apportare miglioramenti o meno. La percentuale precisa di grasso non ci interessa più di tanto. Il problema è che quando hai una plica addominale di 6 cm (come nel caso di questo mio amico) è difficile capire i miglioramenti :|
Si vabbè!!! 6 cm :lol: :lol: :lol: :lol: 6 mm semmai. Se trovate errori è perchè son di fretta :roll: :roll:
L’umiltà, quella vera, è ciò che distingue un bravo atleta da un campione.
Ingegnere gestionale, atleta di calisthenics, e appassionato di nutrizione, dedico buona parte del mio tempo libero allo sport.

Torna a “Alimentazione e Nutrizione”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti