• Project Strength
  • Project Nutrition

Mobilità per squat e femorali rigidi, cerco consigli.

Tecniche per ottimizzare la Performance, il Recupero, la Mobilità articolare, Prevenire gli infortuni
Avatar utente
Strength_coach
Messaggi: 278
Iscritto il: 09/11/2016, 13:52

Re: Mobilità per squat e femorali rigidi, cerco consigli.

Messaggioda Strength_coach 24/11/2016, 12:30

tralasciando la tipa del video (lo ammetto mi sono innamorato)

Perchè tralasciarla?!?!?!?! Tanta roba... 8-) 8-) :oops: :oops:
Avatar utente
Carnera
Messaggi: 314
Iscritto il: 12/10/2016, 14:24
Località: Gotham City

Re: Mobilità per squat e femorali rigidi, cerco consigli.

Messaggioda Carnera 25/11/2016, 7:38

Ho cercato velocemente qualche foto, questo è il massimo che sono riuscito a trovare. E' giusto per rendere l'idea
Immagine

In molti sottovalutano o ignorano la possibilità di eseguire una posa scalata della compressione busto gambe (pike stretch) estremamente efficace. Questa propedeutica, chiamiamola così, sensibilizza l'origine del bicipite femorale ottimizzando l'allungamento della zona piuttosto che con le gambe completamente distese dove, se si è molto rigidi, si rischia di compensare con una flessione del rachide. Tieni sempre pancia e petto a contatto con i quadricipiti e, come ti dicevo, man mano che senti allungare porta i glutei indietro e non pensare a distendere le gambe. Questo aiuta a mantenere l'enfasi sull'origine del muscolo target. Prova in entrambi i modi e sentirai la differenza.

Quanto a Ido Portal è un mostro, ma viene dal corpo libero motivo per cui non lo hai probabilmente mai sentito.

Ps: l'articolo di Paolo Evangelista non lo trovo sul blog, ripeto, lo lessi sul libro. Appena posso guardo il paragrafo e controllo meglio sul suo sito :D
Ciao Maverik, ieri ho provato a fare la routine di Ido e, nonostante riuscissi a fare ma metà della metà delle cose che fa lui mi ha dato ottime sensazioni.

Ho provato anche quella posizione di cui ti quoto la foto, ma non ho ben compreso come "portare i glutei indietro", soprattutto da seduto. Ho provato a fare la stessa cosa in piedi e mi ha dato sensazioni migliori.
TEAM UNDERGROUND BODYBUILDING MILITIA
Avatar utente
Maverik
Messaggi: 171
Iscritto il: 08/11/2016, 13:30

Re: Mobilità per squat e femorali rigidi, cerco consigli.

Messaggioda Maverik 26/11/2016, 0:32

Ciao Carnera, sono molto contento ti sia trovato bene con la routine di Ido e ti suggerisco di perseverare, in fin dei conti sono solo pochi minuti, di modo da vedere sempre nuovi miglioramenti. All'inizio sarà difficile seguirla tutta, i movimenti saranno goffi e instabili, lo avrai notato, ma è solo questione di prenderci confidenza :D

Quanto a quella posa si, in piedi da sensazioni diverse ma da quel che mi è stato insegnato e che ho potuto constatare, il fatto di non avere supporti di contatto da luogo a compensazioni diverse. Pertanto è più efficiente a terra o, in una variante più avanzata, con la schiena adesa al pavimento e le gambe raccolte allo stomaco a ginocchia flesse il necessario per farlo. Infine sul portare i glutei indietro, dopo diverse respirazioni diaframmatiche in posa, pensa a fare dei passettini indietro col sedere inspirando profondamente. Sentirai massimizzare l'allungamento dal ginocchio al gluteo. In ogni caso, come suggerito e giustamente ribadito da altri utenti, lo stretching decompensato globale da risultati molto più 'rapidi' e ti permette di ottimizzare i tempi. Io ci farei un pensierino.
Avatar utente
Carnera
Messaggi: 314
Iscritto il: 12/10/2016, 14:24
Località: Gotham City

Re: Mobilità per squat e femorali rigidi, cerco consigli.

Messaggioda Carnera 26/11/2016, 8:47

Grazie, molto chiaro. Passettini con le chiappe :D

Faccio una ricerca sullo stretching decompensato.
TEAM UNDERGROUND BODYBUILDING MILITIA
Avatar utente
Strength_coach
Messaggi: 278
Iscritto il: 09/11/2016, 13:52

Re: Mobilità per squat e femorali rigidi, cerco consigli.

Messaggioda Strength_coach 26/11/2016, 13:19

Guarda si basa sul semplice concetto che tutti i muscoli più importanti del corpo sono biarticolari, e vanno a concatenarsi formando delle catene, muscolari appunto.

Con lo stretching settoriale si tralascia questo aspetto e si va a creare della tensione in un solo settore/articolazione indipendentemente dai compensi che si possono creare distalmente o a livello prossimale dell'articolazione. In questa visione globale si cerca di allungare un'intera catena o parte di essa nella sua totalità. La somministrazione è più lunga, la tensione è più lieve e distribuita su tutta la catena ecco perchè con poche posture si può esercitare una tensione che si propaga su più distretti in maniera armoniosa, senza "stretchiare" muscolo per muscolo.

Come già detto la respirazione diafframatica, è consigliata!
Avatar utente
Carnera
Messaggi: 314
Iscritto il: 12/10/2016, 14:24
Località: Gotham City

Re: Mobilità per squat e femorali rigidi, cerco consigli.

Messaggioda Carnera 30/11/2016, 7:43

E' tutto molto complicato per un profano come me :D
TEAM UNDERGROUND BODYBUILDING MILITIA

Torna a “Warm-up, Mobility, Recovery”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite